RICEVI LA NEWSLETTER

Cimice asiatica: prime vittime Pere, Pesche e Nettarine


La questione della Cimice asiatica, preoccupa molto gli imprenditori agricoli delle regioni del Nord d'Italia. Un vero e proprio flagello che rischia di fare fallire il settore ortofrutticolo. Sono molte le aziende che minacciano di estirpare i frutteti, dove le perdite vanno dal 40 al 100 per cento della produzione, se non si troveranno soluzioni veloci ed efficaci.

Il pericolo cimice asiatica, è emerso in tutta la sua gravità, la dimensione del fenomeno si evince dagli enormi danni creati alle colture, che ammontano, secondo le stime elaborate dal - Centro Servizi Ortofrutticoli, a oltre 350 milioni di euro solo per pere, pesche e nettarine e la perdita di 486.000 gg. Lavorative.

Le proposte sono di operare su tre fronti: individuare misure di sostegno immediato alle aziende con piani straordinari; far sì che le aziende dispongano di strumenti efficaci per la difesa già a partire dalla prossima campagna; avviare collaborazioni con la ricerca per individuare percorsi sostenibili nel rispetto dell'ambiente.

Copyright AgrimagNews 2020